"Questo sito utilizza cookie,
anche di terze parti,
per migliorare la Tua esperienza e
offrire servizi in linea con le Tue preferenze."


Per saperne di più


__/

A-Difficoltà

\__


Difficoltà


Tabella gradazione difficoltà


Scala Francese

Bilanciare grado difficoltà
e alto livello tecnico è possibile?

Certo che si!
Oltre che

possibile

è anche

doveroso

.

Grado difficoltà (

variabile

)

+

alto livello tecnico (

costante

)

=

ottima prestazione (

risultato costante

)

La carenza del su citato equilibrio,
potrebbe esser causa
di sgradevoli black-out fisici e a volte,
anche psicologici.

Arrampicare su strutture artificiali


Per

Via

d'arrampicata,
s'intende un percorso vincolato
o solo per le

mani

oppure

mani/piedi

.

Per

parete

invece,
viene inteso un percorso nel quale è colui/ei che,
nel mentre dell'arrampicare, riesce a crearsi
la propria Via, ponendosi dei vincoli
sia per le mani sia per i piedi.

Lungo una

Via

la difficoltà consiste
nel riuscire a seguire le direttive della

Tracciatura

.

Su una

parete

invece,
chi arrampica deve attingere a piene mani
al proprio

bagaglio motorio

acquisito
e alla conseguente

intelligenza motoria

.

Via

pre-tracciata => Attività

Agonistica

Competizione / Ambizione di vittoria


Parete

=> Attività

Amatoriale/Educativa

.

Divertimento / Improvvisazione creativa.

L'Agonismo è da considerarsi come
un punto di arrivo dell'

Amatoriale evoluto

.

Puntare all'Agonismo senza basi importanti,
sarebbe paragonabile a imparare a nuotare
col solo buttarsi in acqua
e sperare di cavarsela in qualche modo.

Arrampicare a livello Amatoriale
inseguendo le

alte difficoltà


senza

rispettare le giuste tempistiche,

senza

una preparazione psico/fisica adeguata,

senza

aver approfondito la conoscenza del proprio corpo,

senza

aver il supporto di persone esperte,
potrebbe portare solo a qualche

risultato effimero

.

Una Via può esser considerata
come un susseguirsi di ostacoli da superare.

Gli ostacoli vengono assoggettati, per loro natura,
a una caratteristica fondamentale chiamata:

O S T I C I T À.

Detta caratteristica può esser configurata
in modo da venir affrontata in maniera differente.

Fisicamente

in modalità molto stretta
sino al punto d'arrivare al limite
sia delle

risorse

sia delle

possibilità

umane,
con un'arrampicata molto istintiva.

Con

raziocinio


lasciando minor spazio alla fisicità
a vantaggio di una sintesi tra:

Strategia

e

Tecnica

.

La difficoltà nella

Scala Francese

,
viene espressa attraverso un codice

Numerico/Alfa/Simbolico

nel quale il valore

numerico

è dirimente.

All'aumento del valore numerico
corrisponde un aumento della difficoltà,
con andamento anche esponenziale.

Siamo sicuri sia proprio così?

Una Via con valore numerico contenuto (

),
può dirsi facile quindi,

priva di difficoltà

?
Su di essa non è possibile commettere errori?

Vi è maggior possibilità di errore su una Via
con valore numerico

elevato

oppure

contenuto

?

Su difficoltà

contenute


appigli e appoggi non mancano quindi,
è più facile .....

sbagliare

.
Sbagliare dal punto di vista

tecnico

.

Una filosofia d'arrampicata questa,
molto utile per il

Settore Giovanile


anche a livello

agonistico

.

In questo modo la

progressione


non sarebbe solo fine a se stessa,
ma diventerebbe un qualcosa di più articolato
da premiare

qualitativamente

.